IFIT – Incentivi finanziari per le imprese turistiche

Interessante misura del PNRR in apertura dal 28 febbraio 2022 al 30 marzo 2022, denominata “Incentivi imprese turistiche – IFIT” e che si concretizza nella riqualificazione delle strutture del comparto turistico con risorse dedicate per l‘anno 2022 (100 milioni Euro), anni 2023 e 2024 (180 milioni Euro per ciascun anno) e per il 2025 (40 milioni Euro).

Dotazione finanziaria

La dotazione complessiva è di 600 milioni di euro, distinta come segue:

  • anno 2022 dotazione di 100 milioniEuro
  • anno 2023 dotazione di 180 milioniEuro
  • anno 2024 dotazione di 180 milioniEuro
  • anno 2025 dotazione di 40 milioniEuro

Beneficiari

  • alberghi
  • agriturismi
  • strutture ricettive all’aria aperta
  • imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale
  • stabilimenti balneari
  • complessi termali
  • porti turistici
  • parchi tematici, inclusi quelli acquatici e faunistici

Tra i requisiti principali si segnala che il richiedente deve:

  • essere iscritte al registro delle imprese al momento della presentazione della domanda
  • gestire un’attività ricettiva o di servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi o essere proprietari degli immobili presso cui è esercitata l’attività che è oggetto dell’intervento

Tipologia di interventi da attivare 

Gli investimenti oggetto della misura sono ampi e di seguito si illustrano le macrocategorie:

  • miglioramento dell’efficienza energetica
  • riqualificazione antisismica
  • eliminazione delle barriere architettoniche
  • manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, installazione di manufatti e prefabbricati
  • realizzazione di piscine termali (solo per gli stabilimenti termali)
  • digitalizzazione
  • acquisto di mobili 

Tipologia di contributo ed agevolazione per le imprese turistiche

La misura si compone di due forme di incentivo quali:

Credito d’imposta fino all’80% delle spese ammissibili, con possibilità di cessione del credito, in tutto o in parte, a soggetti terzi (banche e altri intermediari finanziari)

Contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili, per un importo massimo di 40.000 euro.  Tale importo arriva fino a 100.000€ nel caso in cui il richiedente sia impresa giovanile, impresa femminile oppure vengano eseguiti investimenti in digitalizzazione.  

Cumulo

La misura prevede la cumulabilità tra le due agevolazioni, credito d’imposta e fondo perduto, salvo superamento del limite dell’importo degli interventi.

Per le spese ammissibili e non coperte dagli incentivi di cui sopra è prevista la possibilità di richiedere un finanziamento a tasso agevolato a condizione che almeno il 50% di queste spese sia dedicato agli interventi di riqualificazione energetica.

Vista la complessità del bando e della documentazione necessaria per la presentazione della domanda, invitiamo gli interessati a contattarci fin da subito, per una consulenza e/o un confronto di fattibilità del progetto.

Le valutazioni e l’ammissibilità die progetti seguirà l’ordine cronologico di arrivo.

I Ns uffici potranno seguirti su:

  • analisi preliminare di fattibilità del progetto,
  • elaborazione e presentazione dell’istanza,
  • supervisione e gestione documentale di progetto,
  • rendicontazione finale.
Condividi questo articolo...
Email this to someone
email
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Facebook
Facebook