Fondo investimenti per le imprese agricole

Apre il 23 maggio il nuovo contributo a fondo perduto rivolto alle imprese agricole destinato a favorire gli investimenti in beni materiali strumentali oppure immateriali nuovi.

La misura è rivolta a micro, piccole e medie imprese attive nel settore della produzione agricola primaria, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto per l’acquisto e l’installazione di beni strumentali materiali ordinari, beni strumentali materiali e immateriali di cui all’Allegato A e B, L. 232/2016.

Il contributo a fondo perduto, concedibile nel limite massimo di 20.000 euro per singolo beneficiario, è concesso nella misura del 30% per l’acquisto dei beni strumentali, misura che aumenta al 40% per l’acquisto dei beni strumentali di cui all’Allegato A e B, L. 232/2016.

 

L’investimento relativo all’acquisizione dei beni deve:

  • essere inerente alla trasformazione di prodotti agricoli o alla commercializzazione di prodotti agricoli;
  • essere avviato successivamente alla presentazione della domanda di agevolazione. Per data di avvio si intende la data individuata all’articolo 2, punto 15, del regolamento ABER;
  • essere ultimato entro 12 mesi dalla data del provvedimento di concessione. Per data di ultimazione si intende la data dell’ultimo titolo di spesa dichiarato ammissibile;
  • essere mantenuto, per almeno 3 anni dalla data di erogazione del saldo del contributo o, se successiva, dalla data di installazione dell’ultimo bene agevolato, nel territorio della regione in cui è ubicata la sede legale o l’unità locale agevolata. Nel caso in cui, nei suddetti 3 anni, alcuni beni strumentali diventino obsoleti o inutilizzabili, è possibile procedere, previa comunicazione al Ministero, alla loro sostituzione.

Le spese ammissibili per le quali viene richiesto il contributo non possono essere di importo inferiore a euro 5.000,00.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 23 maggio 2022 ed entro il 23 giugno 2022.

Di seguito, si forniscono informazioni di massima in merito ai beni di cui all’Allegato A e B, L. 232/2016 che beneficiano della percentuale di contributo del 40%


Allegato A

Beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello «Industria 4.0»

Esempio

  • beni strumentali il cui funzionamento e’ controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti
  • macchine, anche motrici e operatrici, strumenti e dispositivi per il carico e lo scarico, la movimentazione, la pesatura e la cernita automatica dei pezzi, dispositivi di sollevamento e manipolazione automatizzati
  • magazzini automatizzati interconnessi ai sistemi gestionali di fabbrica

Sistemi per l’assicurazione della qualita’ e della sostenibilita’

Esempio

  • sistemi di misura a coordinate e no (a contatto, non a contatto, multi-sensore o basati su tomografia computerizzata
    tridimensionale) e relativa strumentazione per la verifica dei requisiti micro e macro geometrici di prodotto per
    qualunque livello di scala dimensionale (dalla larga scala alla scala micro-metrica o nano-metrica) al fine di assicurare
    e tracciare la qualita’ del prodotto e che consentono di qualificare i processi di produzione in maniera documentabile e
    connessa al sistema informativo di fabbrica,
  • sistemi di monitoraggio in process per assicurare e tracciare la qualita’ del prodotto o del processo produttivo e che consentono di qualificare i processi di produzione in maniera documentabile e connessa al sistema informativo aziendale
  • sistemi per l’ispezione e la caratterizzazione dei materiali (ad esempio macchine di prova materiali, macchine per il collaudo dei prodotti realizzati, sistemi per prove o collaudi non distruttivi, tomografia) in grado di verificare le caratteristiche dei materiali in ingresso o in uscita
  • sistemi intelligenti e connessi di marcatura e tracciabilita’ dei lotti produttivi e/o dei singoli prodotti (ad esempio RFID – Radio Frequency Identification),
  • sistemi di monitoraggio e controllo delle condizioni di lavoro delle macchine
  • filtri e sistemi di trattamento e recupero di acqua, aria, olio, sostanze chimiche, polveri con sistemi di segnalazione dell’efficienza filtrante e della presenza di anomalie o sostanze aliene al processo o pericolose

 

Dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0»

Esempio

  • banchi e postazioni di lavoro dotati di soluzioni ergonomiche in grado di adattarli in maniera automatizzata alle caratteristiche fisiche degli operatori (ad esempio caratteristiche biometriche, eta’, presenza di disabilita’),
  • sistemi per il sollevamento/traslazione di parti pesanti in grado di agevolare in maniera intelligente/ robotizzata/interattiva il compito dell’operatore,

Allegato B

Beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali «Industria 4.0»

Esempio

  • Software, sistemi, piattaforme e applicazioni per la progettazione, definizione/qualificazione delle prestazioni e produzione software,
  • Sistemi, piattaforme e applicazioni per il monitoraggio e controllo delle condizioni di lavoro delle macchine
  • Sistemi di produzione interfacciati con i sistemi informativi di fabbrica e/o con soluzioni cloud

 

Condividi questo articolo...
Email this to someone
email
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Facebook
Facebook